Ti trovi in:

Home » Territorio » Vivere a Pomarolo » Associazioni » Associazione Castel Barco

Menu di navigazione

Territorio

Associazione Castel Barco

di Mercoledì, 08 Gennaio 2014 - Ultima modifica: Lunedì, 21 Dicembre 2015
Immagine decorativa

Associazione Culturale 

Indirizzo
Piazzale Angheben, 7 - Pomarolo
CAP
38060
Referente
Papani Nicola
Ruolo del referente
Vice Presidente - rinnovo della carica in sostituzione di Adami Roberto dimissionario
Indirizzo del referente

Via G. Tartarotti, 1/A 

Telefono del referente
338 6970635
Scheda

BREVE CRONISTORIA

La Castel Barco nasce il 19 maggio 2006, quando 12 soci fondatori decidono di costituire un’associazione culturale senza scopo di lucro ed avente il fine di favorire la crescita culturale e sociale di ogni cittadino appartenente alla comunità di Pomarolo, nonché di promuovere lo scambio interculturale tra i popoli dell’Europa ed in particolare tra le minoranze etnico linguistiche della stessa. Come da statuto, i principali ambiti entro cui l’associazione si propone di operare sono quelli culturale, musicale e della danza popolare. Il direttivo elegge come primo presidente Attilio Gasperotti, uno dei principali fautori del sodalizio, che rimane in carica fino al 2010, quando il suo posto viene preso da Roberto Adami, tutt’ora in carica.

Fin dall’inizio l’attività dell’associazione viene caratterizzata da alcune iniziative fisse che intendono promuovere aspetti meno conosciuti del paese, della comunità e della società di Pomarolo.

Nasce così ad esempio la manifestazione "CORT EN FESTA", tre giorni di storia, musica e gastronomia ad inizio ottobre, alla scoperta di cortili interni, di scorci particolari e inconsueti del paese, di testimonianze e oggetti di un tempo, ascoltando musica popolare dal vivo e gustando la cucina di una volta.

E per ogni edizione della manifestazione, una mostra storica e fotografica sul paese:

«Pomarolo il paese dell’acqua» (2007);

«Castel Barco 1508-2008» (2008);

«Un filo d’oro: produzione e lavorazione della seta» (2009);

«Dal Comun Comunale alla Comunità di Valle» (2010);

«Pomarolo nel Risorgimento» (2011).

Nasce così il progetto di valorizzazione dell’ORGANO DAMIANI della Chiesa Parrocchiale, strumento musicale prestigioso, ma un po’ dimenticato, riportato agli antichi splendori per mezzo del concerto di S. Stefano (26 dicembre), che ha visto negli anni esibirsi maestri organisti di ottimo livello come: Valentino Degasperi (2008, con la violinista Rossana Cadini); Stefano Rattini (2009), Paolo Delama (2010), Bruno Rattini (2011, con la soprano Veronica Janeva), Saulo Maestranzi (2012); Tarcisio Battisti (2013).

Notevoli anche il concerto con organo (Stefano Rattini) e Gruppo Vocale Feininger di Trento, diretto dal maestro Roberto Gianotti (3 giugno 2011), inserito nella manifestazione a carattere regionale Festival di Musica Sacra.

Nasce così, infine, la manifestazione "PLENILUNIO D'AGOSTO", per mezzo della quale si intendono far conoscere ad un pubblico più vasto le belle località della montagna di Pomarolo: Cimana, con concerto notturno del gruppo Apocrifi (2011); Servis, con concerto di diversi gruppi musicali locali (2012).

Tra le attività di promozione musicale da segnalare ancora il concerto del primo giugno 2013 con l'Ensemble vocale Nicolò d'Arco e il Quartetto degli Affetti nella stupenda cornice barocca della chiesetta di Chiusole; il concerto del cantautore The Niro il 21 marzo 2013 nel nuovo auditorium di Pomarolo.

Come da statuto l’associazione incentiva gli scambi tra realtà culturali di diversi stati dell’Europa, scambi che si sono concretizzati con viaggi in Ungheria e Bosnia, contraccambiati ospitando a Pomarolo gruppi musicali di quei paesi. A partire dal 2010 l’organizzazione di quest’attività è stata lasciata all’associazione Zampognaro Lagaro.

La Castel Barco è particolarmente attenta alle tematiche ambientali, agli stili di vita sostenibili e ai beni comuni, sui quali ha cercato di richiamare l’attenzione di tutti attraverso iniziative come la «Giornata del riuso», le serate informative sui «Gruppi di acquisto solidali», sulle «Buone pratiche per uno stile di vita sostenibile» e sulla «Banca etica»; la raccolta firme organizzata in occasione del «Referendum sull’acqua».

Particolarmente sensibile all’arte e all’architettura, l’associazione organizza annualmente la visita ad una città d'arte, che negli anni ha portato la Castel Barco a visitare Venezia (ghetto e Museo ebraico nel 2007); le Cinque Terre (Liguria, patrimonio dell’Umanità nel 2008); Parma (Palazzo della Pilotta, Teatro Farnese e castello di Fontanellato nel 2010), Padova (Cappella degli Scrovegni, Basilica del Santo e mostra «Il ritratto nell'800» nel 2011); Busseto e Castell'Arquato (casa natale di Verdi e splendido borgo castellano nel 2012); Vicenza (Teatro olimpico, centro storico e Monte Berico nel 2013).

Altrettanto tradizionale l’appuntamento con la «biciclettata», una gita ciclo-turistica di circa 40-45 chilometri che ha visto i soci dell’associazione scendere per la Val Pusteria fino in Austria da Dobbiaco a Lienz (2007); costeggiare il Mincio da Peschiera a Mantova (2008); percorrere la Val Venosta ricca di castelli da Silandro a Merano (2010); attraversare la Valsugana da Levico a Cismon, con visita alla città di Bassano e canto finale sul Ponte (2012); scendere la Val di Sole da Cogolo di Peio al ponte di Mostizzolo (2013).

Una particolare attenzione è stata dedicata dall’associazione al castello da cui prende il nome - Castel Barco - , il maniero (ora ridotto a pochi ruderi) che da circa 1000 anni domina il paese di Pomarolo dall’alto della collina di Rampignano. Un’attenzione che non si è limitata a farne conoscere le vicende storiche (conferenza «Castel Barco, notizie e documenti» con il dott. Carlo Andrea Postinger, 2007; mostra in occasione dei 500 anni della distruzione, 2008), ma si è concretizzata nel procedimento con cui la PAT ha posto un vincolo di tutela su tutta l’area del castello, grazie all'interessamento di Raffaella Vicentini di Pomarolo e, appunto, della nostra associazione.

Immagine decorativa

Nel limite delle sue possibilità l' Associazione si fa artefice di iniziative di beneficienza nei confronti di chi è in difficoltà. Nel 2012 ha donato gli utili ricavati dalla festa "Plenilunio d' agosto in Servis" alle popolazioni emiliane colpite dal terremoto, in particolare al Gruppo Avis di Concordia sulla Secchia, che grazie anche a questo contributo (1.000 Euro) è riuscita a realizzare un efficientissimo punto prelievi e donazioni di sangue in una struttura prefabbricata. La visita alla cittadina distrutta dal terremoto e la consegna dell'assegno sono stati due momenti toccanti, carichi di emozione, che resteranno impressi a lungo nella mente e nel cuore dei soci che vi hanno partecipato.

Tra le altre attività messe in cantiere dall'associazione da ricordare la serata «Voci e suoni del Risorgimento» (2011) con testi recitati, canzoni e musiche eseguite dal vivo; gli incontri del Gruppo di lettura ad alta voce «Il piacere di leggere ed ascoltare» (2011-2012) e la conferenza «Chi educa Chi?» sul rapporto uomo-cane (2012).

Concludiamo questa panoramica sull’attività della Castel Barco con un iniziativa alla quale l’attuale direttivo è particolarmente legato. Si tratta delle «camminate» in compagnia di qualche chilometro lungo le ciclabili o le strade interpoderali, che permettono di raggiungere località prossime a Pomarolo e gustarne le valenze storiche, artistiche e ambientali, praticamente «a costo zero» e senza alcun tipo di impatto sull’ambiente. Fino ad ora sono state effettuate la «Camminata Pomarolo-Volano» (2011), con escursione al biotopo «Taio» di Nomi e visita guidata alla chiesetta di S. Rocco di Volano, affrescata con pitture della fine del ‘400; la «Camminata Pomarolo-Brancolino» (2012), con visita guidata alla chiesa di Santa Maria, vero gioiello dell’arte barocca; la «Camminata Pomarolo-Villa Lagarina» (2013), con visita guidata alla Cappella di S. Ruperto all'interno della chiesa parrocchiale.

Un’iniziativa che dimostra che ci si può divertire, mantenere in forma e informare anche semplicemente spostandosi a piedi e spendendo poco o nulla.

 

COMPOSIZIONE DIRETTIVO:

Presidente: Adami Roberto 

Segretario: Gasperotti Gianni

Componenti direttivo: Nicola Papani, Stefania Decarli, Gemma Tibaldo, Evelin Baldo, Paolo Mencucci

Classificazione dell'informazione

Argomento

associazioni e volontariato

associazioni e volontariato
Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam